27-09-2018

La Casa di Alberi compie 10 anni: una storia di assistenza e qualità

Giornata per celebrare i 10 anni di attività della Casa Protetta gestita da Proges e Zenit Sociale. Dialogo e confronto sul tema della “Residenzialità”.

Una giornata per festeggiare 10 anni di attività della Casa Protetta “La Casa di Alberi” a Vigatto, struttura per anziani gestita da Proges e Zenit Sociale. Un percorso iniziato nel 2008 che ha visto crescere il servizio, divenuto oggi punto di riferimento per il territorio, nonché fulcro di storie, vite ed esperienze.

L’incontro per celebrare il decennale è stato il momento per ricordare la strada fatta raccontando quanto il passare degli anni abbia cambiato e migliorato questa realtà socio-assistenziale. Ma è stata anche l’occasione per parlare di “Residenzialità e qualità della vita” sottolineando l’importanza di una corretta assistenza e andando a toccare il difficile ambito del “senso di colpa”.

A presentare l’evento è stato Stefano Bianchi, primo Coordinatore de La Casa di Alberi. Il Sindaco Federico Pizzarotti ha sottolineato il ruolo svolto dalla struttura in ambito territoriale, ma anche la qualità del servizio offerto: “Sono passati già 10 anni da quando questa realtà ha aperto e ciò che colpisce è sicuramente la piacevolezza e la modernità degli ambienti, ariosi e luminosi. Si tratta di una struttura che risponde a progetti territoriali del futuro, ovvero di rendere questi servizi legati ai quartieri in modo da non sradicare le persone, ma anzi lasciarle negli ambiti che da sempre sono loro più congeniali e famigliari. L’augurio è quello che questi 10 anni siano solo i primi, che si possa continuare a crescere”.

“Il sorriso degli operatori e del personale, questo l’elemento che maggiormente mi ha colpita. Appena arrivata ho capito che qui si sta bene – ha sottolineato l’Onorevole Laura Cavandoli durante il suo saluto – Colgo l’occasione per comunicare che proprio ieri, in Commissione e Finanze, abbiamo attivato un procedimento di semplificazione della normativa che prevede una riduzione fiscale al 5% su quelli che sono gli ausili per gli anziani. Questo è solo un primo passo per dimostrare la nostra attenzione verso l’argomento”.

Saluti anche da parte del Prefetto di Parma Giuseppe Forlani che ha voluto evidenziare l’importanza di realtà come La Casa di Alberi, da decenni impegnata e vincente nel superare la sfida di mantenere operatività e persone nonostante le difficoltà date da crisi e costi.

Tra i presenti anche la Dott.ssa Giuseppina Ciotti, direttrice di Distretto, Don Rosolo e Claudio Bigliardi della Fondazione Pessina.

A concludere gli interventi Gianluca Pelagatti, direttore Zenit sociale, che ha visto nascere la Casa Protetta: “Lo posso dire, noi siamo quelli che hanno concretizzato. Abbiamo colto una delle prime concessioni in Italia dove si chiedeva l’apporto del privato sociale nell’investimento e abbiamo investito perché volevamo credere nell’iniziativa”.

Guarda la gallery