21-04-2020

Emergenza Covid-19: Proges e Ausl hanno attivato un nuovo protocollo di tutela per le RSA

Un nuovo protocollo per la gestione dell’emergenza

Proges e Ausl hanno messo a punto una azione di contrasto al Coronavirus all’interno delle residenze sanitarie per anziani. Un nuovo protocollo di azione e tutela per quelle realtà che ospitano persone più vulnerabili all’epidemia, al fianco della Sanità Pubblica e delle Amministrazioni comunali.

“Da due mesi le Residenze per anziani e la cooperazione sociale hanno dovuto affrontare un’emergenza sanitaria senza precedenti per gravità – spiega Giancarlo Anghinolfi, Direttore generale Proges - Ci siamo ritrovati in prima linea, al fianco della Sanità Pubblica e delle Amministrazioni comunali, a combattere contro un virus così letale, nelle strutture che ospitano le persone più vulnerabili all’epidemia perché già provate da altre patologie e immunodepresse. I coordinatori, gli infermieri e gli operatori socio-assistenziali delle RSA hanno fronteggiato una malattia contagiosa alla quale non erano abituati, che perfino le strutture sanitarie gestiscono con non poche difficoltà”.

Per quanto riguarda la situazione legata alla provincia di Parma “la Casa di Residenza Anziani Peracchi di Fontanellato è stata la prima del Distretto di Fidenza a implementare un nuovo protocollo definito dall’AUSL di Parma per la gestione dell’emergenzasottolinea Anghinolfi - Qualche giorno fa l’AUSL ha effettuato un sopralluogo al Peracchi stilando un verbale sugli isolamenti eseguiti, personale operativo, disponibilità di mascherine e di altri dispositivi di protezione, formazione degli operatori. Sono soddisfatto per questa nostra collaborazione positiva con la Sanità Pubblica, per la quale ringrazio l’AUSL di Parma e il commissario regionale all’emergenza coronavirus Sergio Venturi che continua a ripetere l’importanza di effettuare i tamponi all’interno delle RSA, che noi condividiamo pienamente”.

E proprio in merito alla RSA Peracchi, il sindaco di Fontanellato Francesco Trivelloni ha dichiarato “Ringrazio gli operatori della RSA Peracchi che hanno fatto il possibile, anche con un forte coinvolgimento umano personale, per gestire questa emergenza sanitaria che purtroppo ha colpito dappertutto, anche in ambienti molto fragili come le Residenze per anziani. Comune, Proges, Asp e Ausl hanno creato un percorso gestionale nuovo che oggi anche altri stanno seguendo. L’impegno e l’attenzione di tutti sono massimi”.