16-02-2015

Il futuro dell’assistenza agli anziani sul territorio della Val di Vara, la Riviera Spezzina e l’Appennino

In programma il 21 febbraio un Convegno a Monterosso, organizzato da L’Unione dei Comuni delle Cinque Terre

Nel nostro Paese, così come accade in altre nazioni Europee, il numero degli anziani supera il numero delle nascite di bambini: in che modo, pertanto, è possibile aumentare la qualità dell’assistenza socio sanitaria se le risorse pubbliche disponibili per le piccole comunità e per gli enti locali, tendono a diminuire sempre di più?

Diverse istituzioni che offrono ed erogano servizi alla popolazione anziana, si trovano a dover affrontare questo quesito quotidianamente, in particolar modo in quei territori come la riviera ligure e l’Appennino tosco emiliano, in cui il numero degli anziani è elevato.

Per questo motivo l’Unione dei Comuni delle Cinque Terre ha deciso di aprire un dibattito con quelle realtà del privato sociale che, come la cooperativa Proges, si sono spinte sulla strada dell’innovazione.

L’occasione per approfondire l’argomento è il prossimo 21 febbraio presso il Palazzo Municipale di Monterosso: una giornata interamente dedicata al tema con un convegno pubblico al mattino e una tavola rotonda di approfondimento al pomeriggio.

L’innovazione non è di per sé un valore – dice il Responsabile dell’ Area Socio Assistenziale di Proges Davide Cortesi –. Anzi, l’innovazione è la capacità di confermare valori maturati in decenni di esperienza, dentro situazioni nuove e inedite. I nostri valori nella cura degli anziani sono la domiciliarità e la personalizzazione. Ma per garantirli, oggi bisogna riprogettare i servizi, integrarli il più possibile tra loro e con gli altri servizi presenti sul territorio, adeguarli a piccoli numeri di utenti ciascuno dei quali può avere esigenze diverse e che cambiano nel tempo, e saper offrire un mix di cure assistenziali e sanitarie”.

Proges attualmente gestisce diversi servizi, che sia per la loro dislocazione in territori montani come l’appennino parmense, il piacentino o l’alta Garfagnana, sia per tipologia, presentano caratteristiche di interessante approfondimento da parte delle nostre istituzioni locali.

Particolarmente interessante è la tipologia della Comunità Alloggio, di cui Proges gestisce due esempi nel Comune di Palanzano (1140 residenti e 450 over 65 anni) e nel Comune di Corniglio (1984 residenti e 685 over 65). La Comunità Alloggio infatti garantiscono un servizio socio-assistenziale accogliendo anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti che necessitano di una vita comunitaria e incentiva la reciproca solidarietà, e si si configurano come un servizio flessibile e dinamico, strettamente collegato con le altre attività rivolte alla popolazione anziana, capace di dialogare e rispondere continuamente con le esigenze del territorio.

L’analisi di queste esperienze e del loro rapporto con il territorio di riferimento sarà il punto di partenza del convegno organizzato presso il Palazzo Municipale di Monterosso il 21 febbraio, con inizio alle 9.30.

Il convegno sarà diviso in due momenti: al mattino la presentazione delle buone pratiche di territorialità nell’assistenza agli anziani da parte di Proges, mentre al pomeriggio si svolgerà una tavola rotonda sulle prospettive dei servizi territoriali della Riviera a cui interverranno anche il Sindaco di Riomaggiore Franca Cantrigliani, il Sindaco di Monterosso al Mare Emanuele Moggia, il Sindaco di Pignone Mara Bertolotto, il Sindaco di Riccò del Golfo Loris Figoli, e diversi rappresentanti dell’ASL di La Spezia.